A volte mi illudo che dopo 12 anni di esperienza, ho acquisito tecniche di dissuasione per evitare o appianare conflitti con i figli.

Poi mi capita che mi ritrovo con un figlio dentro la vasca da bagno che urla, grida aiuto e si dimena come se lo stessi scuoiando, che io stessa avrei chiamato il telefono azzurro. In realtà stavo cercando di lavargli i capelli o meglio di sciacquarli.

Mi assale un senso di frustrazione oltre che un mal di schiena terribile perché ormai i vent’anni sono passati da altrettanti anni. Il tutto condito dal terribile rimorso di aver lasciato tracce indelebili, quando mio figlio si sveglia e mi dice “sai mamma, ti ho sognato…”

“ah…e come?!” ho chiesto con titubanza

“mi costringevi a bere la pipì!”.

E anche per oggi mi sono aggiudicata la nomination di mamma flop.